language: Deutsch   Français   italiano   Español   Português   日本語   russian   arabic   norwegian   swedish   danish   Nederlands   finland   ireland   English  

quanto costa il rolex più costoso

TheTweeter "Tutto quello che può essere pensato, può essere pensato in modo chiaro; tutto quello che può essere detto, può essere detto in modo chiaro" (Wittgenstein) Cerca Menu principale Vai al contenuto principale Chi siamo Breaking News World Italia Torino Politica Economia Cronaca nerissima Tecnologia Ambiente Cultura Storia Libri Musica Sport Calcio Speciale: Londra2012 Scienze Salute Fitness Tendenze Gossip Moda Fatti bizzarri e meravigliosi Speciale Matura2013 Buongiorno un cazzo Contatti Navigazione articolo ← Precedenti Successivi → Quanto costa il cocktail più caro al mondo? 1000 euro? 2000? Di più? Posted on ottobre 15, 2012 by Clari icgnxtcj. rolex submariner swiss replica watch reviewssa Quagliotti

Londra, 15 ottobre.

Il cocktail più costoso al mondo è nato a Londra e si chiama “Salvatore’s Legacy”. E’ stato inventato da Salvatore Calabrese, barman noto a livello mondiale, nel night “Playboy club” a Mayfair, Londra. La cifra è di 5.500 sterline a bicchiere (circa 6.823 euro), abbastanza alta da farlo entrare nei Guinness dei primati.

Ma perché il “Salvatore’s Legacy” è così costoso?

Perché contiene quattro particolari ingredienti risalenti al periodo antecedente la Rivoluzione Francese e la Guerra d’Indipendenza Americana: Kummel Liqueur del 1770, Cognac Clos de Griffier Vieux del 1789, Dubb Orange Curacao del 1860 e due gocce di Angostura Bitters del 1900.

Non certo un cocktail riproducibile su scala industriale, ma non importa: cin cin!

Clarissa Quagliotti

Annunci Share this: Tweet Condividi su Tumblr Mi piace: Mi piace Caricamento... Correlati Questo articolo è stato pubblicato in Fatti bizzarri e meravigliosi e contrassegnato come cocktail , cocktail salvatore's , il cocktail più costoso del mondo , salvatore calabrese , salvatore's legacy da Clarissa Quagliotti . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Informazioni su Clarissa Quagliotti Clarissa Quagliotti, 18 anni, studentessa al 5° anno di Liceo Scientifico, pianista al 7° anno del Conservatorio di Torino. Probabile futura matricola del Corso di Matematica dell'Università degli Studi di Torino. Prima "praticante" di TheTweeter, si occupa di breaking news, salute e tecnologia. Visualizza tutti gli articoli di Clarissa Quagliotti → Rispondi Annulla risposta Scrivi qui il tuo commento...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Email (L'indirizzo non verrà pubblicato) Nome Sito web Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. (  Chiudi sessione  /  Modifica  )

Stai commentando usando il tuo account Twitter. (  Chiudi sessione  /  Modifica  )

Stai commentando usando il tuo account Facebook. (  Chiudi sessione  /  Modifica  )

Stai commentando usando il tuo account Google+. (  Chiudi sessione  /  Modifica  )

Annulla

Connessione a %s...

Notificami nuovi commenti via e-mail

Notificami nuovi post via e-mail

Blog su WordPress.com.
quanto costa il rolex più costoso
Filtro benzina: quando cambiarlo e quanto costa da PuntoPro | 20 Lug 2016 | Controlli auto | 0 commenti

È piccolo, costa poco, ma il suo lavoro è costante e importante!

Stiamo parlando del filtro benzina che ha il ruolo di purificare la benzina dalle impurità, prima che entri in circolo nel motore. In questo articolo, oltre a scoprire il suo funzionamento, ti diremo quando cambiarlo, quanto costa e i tipici sintomi di un filtro carburante sporco.

A cosa serve il filtro benzina

Il filtro benzina ha il compito di togliere metalli, polvere, ruggine inevitabilmente presenti nel carburante  garantendo così una perfetta combustione, performance adeguate e consumi minimi. È formato da un materiale filtrante che può essere di metallo, di carta o spugna.

Grazie a questo lavoro di costante pulizia, il filtro benzina preserva il sistema di alimentazione (nello specifico, gli ugelli del motore) da danni prematuri e perciò ci raccomandiamo di cambiarlo seguendo le indicazioni della casa costruttrice e le indicazioni che vi daremo nelle prossime righe.

Tipologie filtro benzina

I filtri benzina si dividono in due tipologie:

filtri per motori benzina a carburatore filtri benzina per motori ad iniezione

Il filtro per motori a carburatore (di vecchia generazione) è collocato tra la tubazione che porta la benzina al motore e il motore stesso. Intercettarlo visivamente è piuttosto semplice: è fissato tra le estremità del tubo con delle fasce metalliche.

I filtri per motori ad iniezione elettronica (di nuova generazione e presente nella maggior parte delle macchine oggi in circolazione) sono nascosti sotto la scocca della macchina, vicino al serbatoio, ed è più difficile da raggiungere.

Ogni quanto cambiare il filtro benzina

Generalmente, il filtro dovrà essere cambiato rispettando queste scadenze:

motori a carburatore: ogni 10.000-20.000 Km, o una volta l’anno motori ad iniezione:  ogni 150.000 Km

Il nostro consiglio è di controllare sempre il libretto di manutenzione dell’auto dato che il costruttore potrebbe dare diverse indicazioni e chiedervi di cambiarlo prima o dopo i chilometraggi medi: dategli sempre un’occhiata!

Scoperti i chilometri esatti, potresti non sapere effettivamente a quanti chilometri è stato cambiato il filtro benzina (ad esempio, nel caso di acquisto di una macchina usata). In ogni caso, sappi che se l’auto manifesta i seguenti sintomi, la “patologia” potrebbe essere il filtro carburante eccessivamente sporco :

performance del motore ridotte problemi di avviamento andamento non costante durante la marcia dell’auto

Quanto costa cambiare il filtro benzina

Il cambio del filtro benzina costa mediamente 20€, inclusa manodopera . È un intervento veloce e poco costoso, ma che comunque vi raccomandiamo di fare nei chilometraggi stabiliti dal costruttore se volete evitare danni all’impianto di alimentazione ben più onerosi.

Inoltre, proprio per l’economicità dell’intervento,  ci raccomandiamo di far intervenire sempre un professionista dell’auto : basta un po’ di inesperienza, e il rischio di arrecare danni al motore aumenta di molto (come purtroppo, il conto da pagare al meccanico).

Quando hai cambiato l’ultima volta il filtro benzina? Ha domande o richiesta di informazioni? Contattaci, e se l’articolo ti è stato utile condividilo nei social!

Forum di FrantoiOnline.it

Forum di discussioni Settore Oleario, forum olio extra vergine d'oliva, forum macchine olearie.

Passa al contenuto

Portale | Frantoi in Italia | Bacheca Annunci | News | Contattaci | Cerca nel forum | Test Driver | Macchine olearie | REGISTRATI Collegamenti Rapidi Messaggi senza risposta Argomenti attivi Cerca Forum Iscritti Staff FAQ Login Cerca Login Indice Olio di oliva Olio extravergine di oliva Cerca Oggi è ven giu 16, 2017 3:0 1 pm Tutti gli orari sono UTC+02:00 L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Discussioni su varietà, qualità, costi di produzione, coretta conservazione dell'olio extravergine di oliva ecc.

Moderatori: foxhy, Paolo, torejeo, ruby

Rispondi 95 messaggi Pagina 1 di 10 Vai alla pagina: 1 2 3 4 5 … 10 Prossimo GIULIANO LODOLA Messaggi: 903 Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da GIULIANO LODOLA » ven nov 28, 2014 10:0 1 am

Non nascondo il mio stupore leggendo questo articolo e non per il prezzo alto, no , soltanto mi sarei aspettato che questo record del prezzo fosse soltanto prerogativa dall'olio Italiano che è senza dubbio il migliore del mondo e dovrebbe essere il più pagato, invece leggete voi, questo signore parla di un olio Spagnolo, la patria di quello da 2,00€ a bottiglia , mi piacerebbe assaggiarlo per capire il metro usato nel quantificare il suo costo. Forse il giornalista che si ritiene esperto in queste ricerche non sapeva che in Italia almeno un produttore , magari più di uno, vende il suo Extravergine a 28,00€ la bottiglia da 500 cl ovvero 56,00€ litro, non ripeto ancora il nome del produttore per non scatenare polemiche ma è quello del primo articolo con cui sono entrato in questo forum. I due Extravergini segnano 1 a 1 , pareggio, quello Italiano l'ho gustato e ripeto è una favola come il prezzo, chissà quale giudizio darei al concorrente straniero. Questi negozi da Gran Gourmet dovrebbero andare nei nostri frantoi e provare la qualità, altro che Spagna, l'olio lo frange l'arte , la passione e l'esperienza del frantore con le olive giuste, non lo stilista che ha vestito la bottiglia. LEGGETE Milano - 06 Giugno 2006, ore 18:41 NASCE L’OLIO D’OLIVA PIÚ COSTOSO DEL MONDO: 56 EURO AL LITRO PER LO SPAGNOLO AMARILLA DE RONDA E’ forse l’olio extravergine d’oliva più costoso del mondo: creato dal famoso enologo Michel Rolland, prodotto dall’aristocratico spagnolo Perico Gomez de Baeza, e “impacchettato” dal designer Philippe Stark, si chiama Amarilla de Ronda e costa ben 56 euro al litro. Disponibile in due sapori, intenso e soave, sarà in vendita solo nei negozi da gran gourmet, come Fauchon a Parigi. A breve seguirà un’intera linea di prodotti di bellezza a base di olio d’oliva (www.amarilladeronda.com). Giuliano Top GIULIANO LODOLA Messaggi: 903 Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da GIULIANO LODOLA » ven nov 28, 2014 11:0 1 am

SE TI VENISSE IN MENTE DI PROPORRE IL PREMIO ALL'IMBECILLITA' , TROVERESTI SEMPRE UNO PIù BRAVO DEL CAMPIONE ATTUALE. L’olio d’oliva più costoso del mondo Federica Perozziello 20 gennaio 2011 L’olio d’oliva è considerato da sempre, uno degli elementi di cottura dei cibi tra i più sani che si possano utilizzare. Anche i grandi chef, sostengono e affermano quanto questo alimento sia sano e faccia bene sia al corpo umano che al sapore finale dei piatti preparati. Gli studi, infatti, hanno dimostrato quali siano i reali benefici, di chi utilizza costantemente l’Olio d’Oliva, sulle patologie come l’ulcera, le malattie cardiache o per quanto riguarda il problema del colesterolo. Il suo prestigio, oltre che a livello di gusto si riscontra soprattutto nel costo, che è tra i prodotti assolutamente più cari nel settore alimentare. Così, restando in tema di costo, ecco che vi presentiamo l’Olio più caro del mondo chiamato Lambda, prodotto dalla Speiron&co. con sede in Grecia. Le olive che vengono utilizzate per quest’olio sono raccolte a mano, poi sottoposte ad una spremitura a freddo per produrre un sapore fruttato, ma ben definito. Poi successivamente l’olio viene confezionato, il tutto fatto assolutamente a mano, in un flacone di 500ml che ha un design davvero unico ed originale, e lo rende un oggetto di lusso più che un semplice alimento; quasi come se fosse una bottiglia di profumo. L’olio è etichettato come “Ultra Premium Extra Vergine di Oliva“. Speiron, per i clienti più abbienti, """"""offre un packaging fatto su misura, a mano, con due piastre d’oro 18 carati, una delle quali, insieme con la bottiglia, contiene il nome del proprietario, ed è proposta ad un prezzo di € 11.000 (US $ 14.698).""""" CAPITO IL PREGIO DI QUESTO OLIO? non sta nella qualità gustativa ma bensì nelle due piastre di oro che lo confezionano, 11.000,00€ non c'è limite agli imbecilli e si meritano che nella bottiglia ci sia il lampante, tanto potranno specchiarsi nelle piastre d'oro . Giuliano. Top gion73 Messaggi: 1541 Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da gion73 » ven nov 28, 2014 12:0 1 pm

Voglio portarvi un esempio in modo da rendere un'idea che forse non tutti conoscono. Prendendo la media degli ultimi 10 anni delle moliture di olive del nostro frantoio abbiamo un quantitativo tale che rinviene da una produzione annua di circa 50.000 piante di medie dimensioni. (è un esempio e non sto considerato gli alberi secolari), moltiplicando per 44 anni avremmo vedete una pò a che cifra arriviamo. Eppure noi siamo Piccoliiiiiisssssiiiiimi. In Puglia, come in Spagna ci sono frantoi in grado di trasformare in sette giorni lo stesso prodotto che noi abbiamo trasformato in 40 e passa anni. Allora, siccome le realtà medio grandi non sono poche nasce spontaneo chiedersi: ma quanto olio gira allora nei mercati? un Mare! allora mi chiedo quanto sarebbe facile competere con frantoi che non hanno a che fare con il partitario, che hanno dei costi variabili per q.le di prodotto trasformato 1/10 dei nostri, che date le quantità lavorate hanno un'incidenza inferiore anche sui costi fissi? Bene, allora spiegatemi se il post appena pubblicato è una provocazione sempre a nostro discapito oppure esiste qualcuno che è moooooolto più bravo di "TUTTI", saranno bravi a farsi strada nel mercato sgomitando, oppure soltanto segnali apparenti di un'alta e incontestabile capacità imprenditoriale? Secondo me, questi che vendono l'olio con la placchetta d'oro, o la bottiglia a 56 euro, non hanno nemmeno il Frantoio, perché se c'è l'avessero sarebbero accorti a dover molire almeno 10.000 q.li di olive all'anno per pagare almeno 1/10 dei costi di investimento, per non parlare di tutti gli altri costi. Top GIULIANO LODOLA Messaggi: 903 Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da GIULIANO LODOLA » ven nov 28, 2014 1:0 1 pm

Tutto giusto quello che hai scritto, la tua esperienza insegna sempre. Riguardo se hanno il frantoio proprio quest isgnori, posso soltanto confermarti che quell'olio di cui parlavo nel mio primissimo intervento, non ha frantoio, soltanto coltivano le olive curandole al massimo e raccogliendole al momento giusto non per la resa ma per l'alta qualità, poi le portano a frangere non so ne dove ne come , ma sicuramente danno al frantore il fine di curare soltanto qualità e non resa, estraendo soltanto la quantità che da la qualità, sicuramente la resa sarà minima ma poi ti fanno pagare anche quello che non mettono nella partita selezionata a caro prezzo e al frantore non impongono il prezzo di frangitura perchè a quei prezzi non ha importanza. L'altro con le due piastre d'oro credo non veda neppure la bottiglia di olio che gli consegnano da inscatolare. Top gion73 Messaggi: 1541 Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da gion73 » ven nov 28, 2014 1:0 1 pm

Sappi che in un frantoio, se c'è qualità esce qualità, se c'è quantità esce quantità. Non esiste nessuna bacchetta magica o macchinario o metodo per rinunciare a qualcosa migliorando altro. Non farti riempire la testa di tarli. Per quanto riguarda il momento giusto, lo sanno anche i bambini che olive poco mature o addirittura senza maturazione danno un'olio più intenso, e riguardo a questo sono 20 anni che le raccolte sono già state anticipate di un mese e più.Sse poi ci sarà qualcuno che le vuole raccogliere a ferragosto venga avanti, perché vendera l'olio a un milione di euro e sarà premiato per il suo anticipo. Ricordo che qualcuno penso di congelarle per fare l'olio in primavera perché aveva studiato che il solstizio primaverile migliorava i profumi. (pure quello è un genio incompreso) GIULIANO LODOLA ha scritto: Tutto giusto quello che hai scritto, la tua esperienza insegna sempre. Riguardo se hanno il frantoio proprio quest isgnori, posso soltanto confermarti che quell'olio di cui parlavo nel mio primissimo intervento, non ha frantoio, soltanto coltivano le olive curandole al massimo e raccogliendole al momento giusto non per la resa ma per l'alta qualità, poi le portano a frangere non so ne dove ne come , ma sicuramente danno al frantore il fine di curare soltanto qualità e non resa, estraendo soltanto la quantità che da la qualità, sicuramente la resa sarà minima ma poi ti fanno pagare anche quello che non mettono nella partita selezionata a caro prezzo e al frantore non impongono il prezzo di frangitura perchè a quei prezzi non ha importanza. L'altro con le due piastre d'oro credo non veda neppure la bottiglia di olio che gli consegnano da inscatolare. Top GIULIANO LODOLA Messaggi: 903 Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da GIULIANO LODOLA » ven nov 28, 2014 1:0 1 pm

Se come dici, dal frantoio esce quantità non a discapito di qualità, cosa fa un olio buono al gusto e altro non buono , da cosa dipende questo risultato, soltanto dall'oliva franta? oppure ci sono varianti nella frangitura o metodi differenti che variano il risultato, altrimenti ci sarebbero soltanto oli ottimi, c'è il periodo esatto che se raccogli e frangi ottieni il meglio oppure più è acerba e meglio è l'olio. Top gion73 Messaggi: 1541 Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da gion73 » ven nov 28, 2014 3:0 1 pm

Purtroppo, quando giustamente non sappiamo interpretare la realtà ci possono raccontare le frottole più impensate di questo mondo con il risultato di fare abboccare all'amo tutti coloro che non sanno di cosa si sta parlando. Giuliano prendi un olivo, spremilo in mano e chiediti cosa potrebbe cambiare se invece di spremerlo con le mani lo spremessi per terra sotto le scarpe. Sicuramente il risultato cambia. Allora, in un frantoio, per aspettarsi un prodotto buono bisogna innanzitutto avere a disposizione prodotto buono, ( e non lo ripeto più), sempre nel frantoio seguire le più scrupolose norme di pulizia, ( e non lo ripeto più), dopo l'estrazione avere cura di osservare una buona conservazione dell'olio, effettuando travasi per allontanare eventuali morchie presenti, con filtri c come voi li intendete, ( e non lo ripeto più). Ho detto non lo ripeto più, perché innanzitutto l'ho già detto tante volte, inoltre è quello che ognuno di noi fa sistematicamente in un frantoio,( punto e basta), e questo non è soltanto "già tanto", ma bensì è il massimo. Altre, invenzioni o supposizioni restano tali per chi ha bisogno di farsi inebriare con concetti nuovi, fuori dalle logiche comuni, differenti da quelli normalmente in circolazione. Ma vedi un po' se non è sufficiente tutto quello che ho raccontato. Allora Giuliano cosa devo dirti in più, che per fare l'olio buono bisogna tirare fuori dall'olivo con una siringa l'olio presente e metterci dentro quello della Toscana? Mah! Io penso che l'olivicultura italiana, malgrado sia attanagliata da problemi di frammentazione territoriale tutto sommato gode di una salute discreta, grazie anche al fatto che sul territorio negli ultimi anni i frantoi hanno speso la loro vita per migliorare, a questo punto mi sorge il dubbio che probabilmente è il consumatore che vuole essere bastonato, perché, se li dai un prodotto dell'industria venduto solo al supermercato è tutto contento e soddisfatto, se li dai la possibilità di consumare un prodotto artigianale difficilmente vendibile al supermercato o in altro luogo si comincia con tutta una serie di polemiche, supposizioni, dicerie, dubbi, pretese, ecc... Scusami Giuliano, io ti avevo proposto un affare, ma perché non ti apri un'attività ti cerchi l'olio migliore d'Italia e te lo vendi li a 100 euro la bottiglia? Tu hai detto che c'è gente disposta a comperarlo, o sbaglio? Il mercato non è saturo, anzi ci sono delle nicchie di mercato, colme di spendaccioni che stanno morendo di fame in quanto sul mercato non c'è nessuno che può venderli i prodotti migliori al prezzo di uno stipendio mensile. Ma non vi rendete conto che sono dei contorni arricchiti di cavolate? GIULIANO LODOLA ha scritto: Se come dici, dal frantoio esce quantità non a discapito di qualità, cosa fa un olio buono al gusto e altro non buono , da cosa dipende questo risultato, soltanto dall'oliva franta? oppure ci sono varianti nella frangitura o metodi differenti che variano il risultato, altrimenti ci sarebbero soltanto oli ottimi, c'è il periodo esatto che se raccogli e frangi ottieni il meglio oppure più è acerba e meglio è l'olio. Top GIULIANO LODOLA Messaggi: 903 Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da GIULIANO LODOLA » ven nov 28, 2014 3:0 1 pm

Sempre tutto vero quello che scrivi, daltronde sei forte in questo tuo non facile mestiere , sai perchè insisto a chiedere cosa fa buono l'olio oltre la buona oliva e la pulizia quasi a sembrare insoddisfatto di quello che mi dite , perchè leggendo ogni cosa che mi capita su questo argomento e guardando filmati dei frantoi con chi frange che spiega le vari fasi della lavorazione, leggendo le pubblicità di chi fabbrica frantoi e macchine collegate , vedo che ci sono particolari dati per scontati nel vostro parlare perchè da mestieranti non ci pensate più neppure tanto lo fate a memoria e abitudine. Di sfuggita parlano delle temperature nella lavorazione, vedo nei filmati che avete monitor che controllano i frantoi con parametri importanti tipo appunto la temperatura di lavoro, leggo di procedimenti di lavorazione differenti a seconda dei frantoi, e mi chiedo, ma il frantore, il macchinario, la fretta per frangere il lotto di olive in questione, queste cose e altre che non so , influiscono sulla qualità del prodotto? sono convinto che se tu lasci a me un giorno il tuo frantoio e sapessi usarlo ma senza la tua esperienza di una vita, sono certo il mio risultato non sarebbe pari al tuo, allora l'esperienza conta, e se conta l'esperienza significa che il procedimento giusto conta. Io paragono il frantore a un cuoco,sia io che il cuoco acquistiamo lo stesso prodotto al mercato, lo stesso, lui cucina io cucino gli stessi prodotti, lui otterrà dei piatti stellati mentre io robaccia immangiabile, ecco il procedimento che tu hai ormai nel sangue da una vita, allora non basta l'oliva sana , ma servono accortezze che qualcuno usa e altri no, alcuni oli sono come il cibo del cuoco di prima e altri oli sono il cibo cucinato da me. Non so spiegarmi ma fino ora ho letto soltanto una parte di risposte che ancora non mi hanno totalmente convinto sulla qualità ottenuta data per scontata uscita dal frantoio, sempre supponendo olive sane. Top gion73 Messaggi: 1541 Iscritto il: gio dic 30, 2010 4:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da gion73 » ven nov 28, 2014 3:0 1 pm

Hai detto una parola santa, soltanto che l'hai usata male, ossia l'hai abbinata al quello che per te potrebbe essere il tuo fattore negativo per l'ottima qualità del tuo olio. Vuoi sapere qual'è?: "la fretta" Considera, che se non ci fosse quella, sicuramente otterremmo l'olio che tu comunemente reputi come comune (se non addirittura lampante). Ma scusa, qui si stanno facendo dei giri di parole inutili, ma abbiamo capito ancora che l'olio di cui tu parli è un'olio della grossa distribuzione? a meno che non ti riferisci anche a olii comuni derivanti da produzioni particolari. (frantoio). Quello che tu metti sul piatto della bilancia da dove proviene? Si tratta di produzioni particolari o olio della grossa distribuzione? GIULIANO LODOLA ha scritto: Sempre tutto vero quello che scrivi, daltronde sei forte in questo tuo non facile mestiere , sai perchè insisto a chiedere cosa fa buono l'olio oltre la buona oliva e la pulizia quasi a sembrare insoddisfatto di quello che mi dite , perchè leggendo ogni cosa che mi capita su questo argomento e guardando filmati dei frantoi con chi frange che spiega le vari fasi della lavorazione, leggendo le pubblicità di chi fabbrica frantoi e macchine collegate , vedo che ci sono particolari dati per scontati nel vostro parlare perchè da mestieranti non ci pensate più neppure tanto lo fate a memoria e abitudine. Di sfuggita parlano delle temperature nella lavorazione, vedo nei filmati che avete monitor che controllano i frantoi con parametri importanti tipo appunto la temperatura di lavoro, leggo di procedimenti di lavorazione differenti a seconda dei frantoi, e mi chiedo, ma il frantore, il macchinario, la fretta per frangere il lotto di olive in questione, queste cose e altre che non so , influiscono sulla qualità del prodotto? sono convinto che se tu lasci a me un giorno il tuo frantoio e sapessi usarlo ma senza la tua esperienza di una vita, sono certo il mio risultato non sarebbe pari al tuo, allora l'esperienza conta, e se conta l'esperienza significa che il procedimento giusto conta. Io paragono il frantore a un cuoco,sia io che il cuoco acquistiamo lo stesso prodotto al mercato, lo stesso, lui cucina io cucino gli stessi prodotti, lui otterrà dei piatti stellati mentre io robaccia immangiabile, ecco il procedimento che tu hai ormai nel sangue da una vita, allora non basta l'oliva sana , ma servono accortezze che qualcuno usa e altri no, alcuni oli sono come il cibo del cuoco di prima e altri oli sono il cibo cucinato da me. Non so spiegarmi ma fino ora ho letto soltanto una parte di risposte che ancora non mi hanno totalmente convinto sulla qualità ottenuta data per scontata uscita dal frantoio, sempre supponendo olive sane. Top GIULIANO LODOLA Messaggi: 903 Iscritto il: ven ott 31, 2014 2:0 1 pm Re: L'OLIO EXTRAVERGINE PIU' COSTOSO DEL MONDO!!! Cita Messaggio da GIULIANO LODOLA » ven nov 28, 2014 4:0 1 pm

NON SONO RIUSCITO A COMPRENDERE BENE QUELLO CHE MI HAI SCRITTO E RIPRENDO LE TUE FRASI SEPARATAMENTE PER CAPIRE gion73 » ven nov 28, 2014 3:0 1 pm Hai detto una parola santa, soltanto che l'hai usata male, ossia l'hai abbinata a quello che per te potrebbe essere il tuo fattore negativo per l'ottima qualità del tuo olio. *** non ho capito questa frase , spiegami Vuoi sapere qual'è?: "la fretta" Considera, che se non ci fosse quella, sicuramente otterremmo l'olio che tu comunemente reputi come comune (se non addirittura lampante). *** Non ho capito, se NON ci fosse la fretta otterremo l'olio comune? oppure volevi dire senza fretta olio ottimo, Ma scusa, qui si stanno facendo dei giri di parole inutili, ma abbiamo capito ancora che l'olio di cui tu parli è un'olio della grossa distribuzione? a meno che non ti riferisci anche a olii comuni derivanti da produzioni particolari. (frantoio). Quello che tu metti sul piatto della bilancia da dove proviene? Si tratta di produzioni particolari o olio della grossa distribuzione? *** Io ho parlato di un solo olio che ad agosto mi ha preso per il gusto che credo per me migliore tra tutti quelli gustati nella vita, è quello della mia prima discussione prodotto da un produttore che non ha frantoio, quello che dicevo vendono a 28,00€ 500cl. non capisco a cosa ti riferisci nell'ultima parte Top Rispondi 95 messaggi Pagina 1 di 10 Vai alla pagina: 1 2 3 4 5 … 10 Prossimo Torna a “Olio extravergine di oliva”

Vai a Regole del forum    ATTENZIONE LEGGERE    Novità e Avvisi Macchine olearie    FRANTOI Tipologie e sistemi di lavorazione    In rilievo: Quale centrifuga consigliate?    In rilievo: Nocciolino di sansa    In rilievo: Acquisto nuovi frantoi / macchinari 2017 Ulivi - (cultivar e trattamenti)    Cultivar - tecniche di coltivazione    Metodi di raccolta Olio di oliva    Olio extravergine di oliva    Altri tipi di olio di oliva    In rilievo: Come diventare assaggiatori di olio di oliva    In rilievo: QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE sulla percezione della qualità dell’OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA Gestione Frantoio    Gestione amministrativa Varie    Discussione generale Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Indice Tutti gli orari sono UTC+02:00 Cancella cookie Staff


used rolex watches for sale in dubai
daytona 500 pole sitter
vintage rolex daytona paul newman for sale
listino prezzi orologi rolex 2014
rolex datejust 41 steel